Clicca e iscriviti alla newsletter
Ogni settimana nuovi consigli, tutorial e curiosità

Calabroni e vespe che si aggirano nel tuo giardino possono costituire un serio pericolo per te e la tua famiglia. Le loro punture sono infatti piuttosto dolorose e, soprattutto se ti dedichi alla condivisione giardino, non puoi permetterti di correre rischi con i tuoi clienti. Potrebbe quindi essere necessario piazzare in giardino delle trappole per calabroni e vespe.

Il pericolo di calabroni e vespe

Questi insetti realizzano il loro nido nel suolo, quindi è estremamente facile calpestarlo senza rendersene conto. Se il nido viene accidentalmente calpestato, essi attaccano in gruppo, pungendo il malcapitato. Infatti i calabroni e le vespe, in caso di pericolo, emettono feromoni per richiamare l’attenzione degli altri esemplari del gruppo e attaccare la minaccia.

Per tenere lontani questi fastidiosi insetti è necessario prendere alcune precauzioni. La prima consiste nel non tenere in giardino sostanze dolci e zuccherine. Ma anche la carne attira calabroni e vespe. Dopo un pic nic nel proprio giardino è dunque buona norma far sparire quanto prima ogni residuo e traccia di cibo.

Da evitare sono anche gli insetticidi, che sono sostanze tossiche per l’ambiente, le persone e gli animali domestici. Inoltre gli insetticidi non sono selettivi e, insieme agli insetti fastidiosi, uccidono anche gli insetti necessari per la salute e il benessere del tuo giardino come gli insetti impollinatori.

Trappole per calabroni e vespe fai da te

Si possono costruire delle trappole per calabroni e vespe in maniera del tutto artigianale, senza necessità di comprarle nei negozi specializzati. Le trappole fai da te si possono realizzare utilizzando materiali di recupero, facilmente reperibili in casa. Oltre a farti risparmiare, questo sistema è anche ecologico perché le esce per calabroni e altri insetti realizzate in maniera artigianale non prevedono l’uso di insetticidi chimici. Gli insetticidi chimici, per quanto efficaci nel tenere lontani dalle tue piante gli insetti nocivi, tempestano le stesse piante e l’aria che respiriamo di sostanze chimiche tossiche.

Le trappole per calabroni e vespe realizzate da te dovranno essere posizionate in corrispondenza della zona maggiormente a rischio di attacchi da parte di insetti. Il posto ideale e sugli alberi, ad un’altezza di circa 2 metri dal suolo. La stagione migliore per piazzare le trappole è la primavera, quando le regine sopravvissute all’inverno si accingono a ripopolare la colonia.

Come realizzare una trappola per calabroni e vespe

Per realizzare la trappola bisogna utilizzare una bottiglia di plastica. Non si tratta di un materiale ecologico, ma, dato che lo stiamo riciclando, l’impatto ambientale è minimo. La bottiglia va tagliata dove inizia a restringersi per formare il collo, ottenendo così due parti che verranno entrambe impiegate nella realizzazione della nostra trappola. Nella parte inferiore della bottiglia (quella dalla forma cilindrica) bisognerà fare due fori per inserirvi un filo di ferro che avrà la funzione di manico. Il manico permetterà di appendere la nostra trappola artigianale all’albero.

All’interno della parte cilindrica bisognerà inserire un’esca per attirare le vespe e i calabroni al suo interno. Come abbiamo visto, vespe e calabroni sono ghiotte di sostanze dolci, ma anche di carne e pesce. Quindi per attirarle nell’esca useremo proprio queste sostanze. Si può realizzare una miscela di acqua con zucchero e aceto oppure inserire nella bottiglia della carne o del pesce avariato. Anche la birra funziona piuttosto bene.

Una volta posizionata l’esca, bisogna inserire nel cilindro la parte superiore della bottiglia che avevamo tagliato. Questa va appoggiata nella bottiglia con il collo disposto verso il basso. Quando l’animale entra, attirato dall’esca, non riesce più ad uscire dalla bottiglia perché l’apertura della stessa è troppo piccola.

E adesso che il tuo giardino è sicuro contro gli attacchi di calabroni e vespe puoi noleggiarlo su Affitto Giardino in tutta sicurezza.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *